mercoledì 12 novembre 2014

HOME MADE ENERGY_1.1

Generatore fotovoltaico che si attacca alla presa elettrica di casa.

mini generatore fotovoltaico
Usare il fotovoltaico senza installare un impianto completo sul tetto di casa.
Risparmiare in bolletta è possibile, col fotovoltaico, anche senza installare un impianto fotovoltaico completo sul tetto di casa. Si tratta di un generatore fotovoltaico inventato per chi non ha la possibilità di mettere il proprio impianto sul tetto, ma ha a disposizione un balcone, un terrazzo o un piccolo giardino soleggiato. Per questi esiste oggi la possibilità di mettere un mini generatore fotovoltaico domestico: un pannellino fotovoltaico che ti permette di beneficiare comunque di energia pulita, energia autoprodotta, energia “propria” a “costo zero”.


Si tratta di un mini generatore fotovoltaico “portatile” ed amovibile che non richiede alcun tipo di autorizzazione per installarlo, nè pratiche, nè costi per la sua connessione in rete. Il mini generatore fotovoltaico è infatti completamente indipendente da enel e dalla rete elettrica. Si chiama Solaris Pop, è prodotto da Renfactory ed è un mini generatore domestico da 160 watt di potenza di picco e un metro quadrato di superficie, poco più grande di un ombrello.
Qual è la novità? La caratteristica interessante di questo prodotto è la presa elettrica: potendo mettere il pannello su supporti amovibili, è utilizzabile facilmente e, con una semplice presa elettrica è collegabile per l’immissione diretta dell’energia prodotta nella rete elettrica di casa.
Collegando il pannellino fotovoltaico direttamente ad una presa elettrica di casa il Solaris Pop permette di ridurre i consumi energetici di casa e quindi le bollette elettriche: è in grado di assorbire parte dei costi fissi delle utenze e di ridurre così le bollette elettriche. Il pannello fotovoltaico è infatti dotato di un dispositivo integrato che converte direttamente l’energia elettrica prodotta da corrente continua a corrente alternata, già pronta per essere utilizzata nella rete domestica: dal generatore solare esce, infatti, corrente elettrica già “pronta per l’uso”: 230 Volt di tensione in AC (corrente alternata).
Mettendo questo piccolo apparecchio su un balcone bene esposto, ad esempio, è possibile produrre ed autoconsumare istantaneamente 150-200 kwh/anno, in media: 0,5 kwh/giorno che nel periodo estivo arriva ad oltre 1 – 1,5 kwh/giorno.
Pagando l’energia in bolletta circa 0,25 €/kwh, un mini generatore fotovoltaico permette di risparmiare circa 50 euro l’anno sui consumi elettrici. Collegando solo 4 di questi pannellini alla rete di casa è possibile risparmiare potenzialmente circa 200 euro l’anno sulle bollette elettriche. Attenzione, però: per beneficiare effettivamente di questo risparmio è necessario, ovviamente, autoconsumare istantaneamente tutta l’energia prodotta dai pannelli oppure è necessario immagazzinarla di giorno per utilizzarla di sera o di notte, quando il fotovoltaico non produce.
Ecco due ultime importanti considerazioni sull’innovativo prodotto:
  • il Solari Pop è interamente “made in Italy”
  • il mini generatore fotovoltaico beneficia delle detrazioni fiscali 50% Irpef. Come le ristrutturazioni ed i classici impianti fotovoltaici è infatti possibile detrarre dall’Irpef il 50% dei costi in fattura. Lo sgravio fiscale permette, di fatto, di dimezzarne il costo e di dimezzare i tempi di rientro dalla spesa sostenuta.